Granelli di scrittura

Granelli di scrittura

25-26 maggio 2016 dalle 16,30 alle 19

Corso di scrittura creativa con Nadia Terranova
per adulti e studenti della scuola secondaria di secondo grado (max 20 partecipanti)

luogo: Sala polifunzionale Polymnia, via Poerio 34

Cosa differenzia un racconto da un romanzo, a parte la brevità? Come si lavora intorno a uno spunto, a un’idea, a una vicenda personale fino a renderla un brano letterario?
Analizzeremo insieme racconti di autori italiani e stranieri, di ieri e di oggi, sviscerandone i temi, focalizzandoci sui personaggi, sui loro dialoghi, sulla lingua scelta. Ciascun partecipante avrà la possibilità di lavorare su un proprio racconto, ricevendo consigli di autoediting e suggerimenti su come proporlo a riviste, webzine e case editrici.

Nadia Terranova è nata a Messina e vive a Roma. Ha pubblicato cinque libri per ragazzi tra cui Bruno il bambino che imparò a volare (Orecchio acerbo, 2012, illustrazioni di Ofra Amit, premio Napoli, premio Laura Orvieto), dedicato alla vita dello scrittore ebreo polacco Bruno Schulz, e Le nuvole per terra (Einaudi Ragazzi, 2015), un racconto di formazione sentimentale per preadolescenti e genitori. Ha esordito nel romanzo nel 2015 con Gli anni al contrario, storia d’amore di due ragazzi tra il 1977 e il 1989, definito da Roberto Saviano uno dei libri più importanti del 2015 e vincitore dei premi Bagutta Opera Prima, Brancati, Fiesole, Grotte della Gurfa. Collabora con diverse riviste. Ha scritto racconti per molte antologie (il primo nel 2007 in “Quote rosa. Politica e società nei racconti delle ragazze italiane” pubblicato da Fernandel, e l’ultimo nel 2015 per “Abbiamo le prove”, pubblicato da Utet), webzine e riviste letterarie. È tradotta in Francia, Spagna, Messico, Polonia e Lituania.

Il costo del corso è di €40,00, l’iscrizione è confermata con il pagamento di €10,00 di acconto
L’eventuale recesso dovrà essere comunicato entro il 15 maggio. Oltre tale data l’acconto non verrà restituito.
Per informazioni e iscrizioni:
Il libro con gli stivali, via Mestrina 45, Mestre (Ve)
libreria@libroconglistivali.it

Granelli di zucca corso di scrittura

Venezia è un pesce e altri pi esse

Se è vero che Venezia è un pesce, e a me pare proprio un pesce eterno, elegante, sornione, intelligente e divertito, dovrà avere un ittico apparato cognitivo: per me è la libreria Acqua Alta, al Sestiere Castello. Farò metà della metà della metà di uno dei doveri legati a questo blog (*segnalare cose belle*) invitando chiunque passi dalla repubblica marinara a regalarsi un paio d’ore fra gondole e libri e suggerendo agli altri di farsi un giro on line grazie a questo video che ho trovato mentre curiosavo cercando il sito (che non ha).

Se Venezia è un pesce, è un pesce di bocca buona – dolci, vino, biscotti, la dolce ossessione degli ultimi suoi giorni tristi che vende ai turisti, strambi angoli di modernariato contemporaneo, i lavori di Oscar Sabini (in particolare Geno, appena uscito in Spagna per Oqo: ho il privilegio di averne una copia autografata ma in attesa che sia tradotto in Italia potete farvi un’idea qua), una domenica pomeriggio a Mestre al Libro con gli stivali e poi la cena dentro a un forte (ah, queste repubbliche marinare), e il lunedì mattina coi ragazzi del nautico (ah, eh, queste repubbliche marinare).

libro con gli stivali

Fuor di Venezia, mi scappano due pi esse.
Pi esse numero uno: oggi è l’otto marzo, non mi addentrerò in motivazioni e dibattiti ma non schiferò mai questa festa. Se volete farvi un regalo regalatevi questo libro fotografico, ha delle immagini che raccontano la storia e la storia è tutta lì ed è una storia bella da sfogliare, senza troppe chiacchiere.
Pi esse numero due, per la rubrica stanze degli scrittori su Archivio Caltari: questa è casa mia, benvenuti anche se non ho posto per invitarvi a cena.