Laboratorio Le mille e una notte (Shahrazad per bambini)

La prossima settimana, a Villa Celimontana a Roma, ci sarà il festival della letteratura di viaggio. Ha un programma molto bello, che cercherò di non sciupare troppo con il mio laboratorio.

Laboratorio le mille e una notte
Festival della Letteratura di Viaggio 2014
Domenica 28 settembre 2014
Palazzetto Mattei, Giardini, ore 10-11.30

Shahrazad per bambini, dai 6 ai 10 anni. Scritture, disegni, letture a cura di Nadia Terranova, ispirati all’antologia di novelle orientali.
In collaborazione con La Nuova Frontiera junior. Evento a numero chiuso, su prenotazione.

COME PARTECIPARE
Il laboratorio è gratuito e riservato a un numero limitato di persone, previa iscrizione, fino esaurimento posti. Per accedere alla selezione è necessario inviare all’organizzazione del Festival una mail all’indirizzo bookingflv@gmail.com, indicando nell’oggetto “Laboratorio Le Mille e una Notte”.
Nell’impossibilità di prenotare via email contattare il numero di telefono 377 2926056 (dal lunedì al venerdì, dalle 10 alle 17).

http://www.festivaletteraturadiviaggio.it/lab-2014/lab-le-mille-e-una-notte.htm

le_mille_e_una_notta_cop.indd

primo amore, ultimi riti

[primo amore] Oggi una signorina che una volta mi intervistò ha scritto la prima recensione delle mie Mille e una notte; sabato, a Parma, c’è la prima presentazione al festival Minimondi, a Palazzo del Governatore, alle 11. Dice il programma che è riservato alle scuole, dicono l’autrice e le organizzatrici che se volete infiltrarvi un posticino lo troviamo.

biblioteca Ursino Recupero, Catania

[ultimi riti] Ci sono alcuni riti su cui nutro dei dubbi, uno di questi è firmare petizioni on line. Però è un modo per accendere una luce su un problema, e siccome ce ne sono due che mi stanno a cuore ve le segnalo: una riguarda Affile e l’obbrobrio al gerarca di cui già parlai, l’ha sollevata Igiaba Scego all’attenzione del presidente Zingaretti. L’altra riguarda invece un monumento da tirare su, in senso economico, perché esiste già ed è bellissimo. La biblioteca Ursino Recupero di Catania versa in una situazione tremenda, ha ormai un solo dipendente, l’instancabile bibliotecaria (leggete questo articolo). La biblioteca è un posto pazzeschissimo, bello da morire, ci hanno girato i Vicerè e Il nome della rosa, ci si può leggere, studiare, parlare con la dottoressa Carbonaro che è una miniera di storie, ci vanno in gita scuole di tutta Italia, ci sono erbari, libri, incunaboli, cinquecentine, pergamene, una Bibbia miniata tra le più preziose del mondo. Eppure, sta morendo.
Per la biblioteca non ci sono soldi, per tirar su il mostro in onore del gerarca di Affile si tirano fuori 127.000 euro. Vabbè. Forse non serve a niente ma, nel dubbio, ho firmato qui e qui. Grazie se lo farete anche voi.

Nadiahazad e il libro nuovo

Ci sono un prologo, un epilogo, otto fiabe liberamente reinterpretate e le belle illustrazioni di Christopher Corr. È uscito ieri e quindi potete adesso acquistarlo nelle migliori librerie, ma con un po’ di fortuna anche nelle peggiori e in quelle così così. E se siete proprio ma proprio pigri anche nell’internet, naturalmente, affinché piombi sui vostri divani e vi porti in un mondo di danze, frutti dolcissimi, tappeti incantati, sultani malvagi e gran visir. E che possa divertire e affascinare voi e i vostri pargoli almeno quanto ha divertito e incantato me. (Qui potete sfogliare e leggere la prima notte).

Nadia Terranova