21 e 22 dicembre, Roma, cose, aggiornamenti

Mercoledì 21 dicembre alle 18.30 sarò alla Casetta rossa, via Magnaghi 14 (Garbatella). Si presenta l’antologia La giusta parte (Caracò Editore), dove c’è un mio racconto e ne parliamo insieme agli editori Alessandro Gallo e Mario Gelardi e agli autori Riccardo Brun e Marina Indulgenza. Siccome i proventi andranno al carcere minorile di Nisida, mi sembra un ottimo motivo per esserci e comprare il libro, che racconta storie di resistenza alle mafie. Qui la recensione di Repubblica:


Sempre il 21 dicembre alle 21.00 e poi alle 22.30 andrà in scena al teatro Manhattan, via del Boschetto 58 (Monti), lo spettacolo Malebolge. Registi e attori del progetto Diversamente stabili hanno messo in scena tre corti, uno è mio, si chiama La cantina e – coincidenza – anche questo parla di mafia. La regia è di Tommaso Zaccheo. Io ci sarò alla seconda replica (il tempo di arrivare da Garbatella, ecco).

Il giorno dopo, cioè giovedì 22 dicembre al Muzak, via di Monte Testaccio 38 (ex Mattatoio), nuovo appuntamento con la Jam Session Teatrale. Stavolta il tema è: “Chi ha incastrato il pupazzo di neve? Una serata noir”. Visto che a Natale siamo tutti più buoni dopo la Jam io, Anita e Andrea abbiamo organizzato una cena e delle sorprese. Di cosa si tratta lo scoprirete: spiegarlo è difficile, venirci molto più facile.

Infine, da venerdì scorso e per tutta la durata delle feste, al nuovo spazio Libri invisibili di via Fortebraccio 1 (Pigneto) è già possibile acquistare il mio libro Bruno il bambino che imparò a volare che nei circuiti librari arriverà solo l’11 gennaio.


[Bonus track: su SettePerUno la mia recensione di Pretty Woman venti anni dopo. Ovvero, un modo come un altro per discettar d’ammmore, tanto per cambiare].

prossimi appuntamenti romani

* Venerdì 9 dicembre dalle 11.00 alle 12.30 incontro i lettori e firmo copie di Caro diario ti scrivo… allo stand di Sonda Editore (L28) alla fiera della piccola e media editoria, Più libri più liberi, Palazzo dei congressi (EUR);

* mercoledì 21 dicembre ore 18.30 interverrò alla presentazione dell’antologia La giusta parte (Caracò editore) insieme ad Alessandro Gallo, Mario Gelardi, Riccardo Brun, Marina Indulgenza presso lo spazio autogestito della Casetta Rossa, via Magnaghi 14 (Garbatella).

son cose

Dato che per Setteperuno recensisco anche film non in sala, questa settimana parlo del mio preferito degli ultimi dieci anni (qui).

Poi, come anticipato, da oggi sul sito di Caracò (a questo link) si può acquistare l’antologia La giusta parte (qui una recensione del Fatto Quotidiano) che contiene anche un mio racconto. I proventi dei diritti d’autore saranno devoluti all’Istituto Penale Minorile di Nisida, perciò compratela e regalatela, del resto il temibile Natale s’avvicina ed è molto meglio questa che una sciarpa scozzese, giuro.

S’è fatto novembre. Cercavo una canzone triste. Mi è venuto da cantare questa qui. Perché “decentri tutto il bene che vorrei allontanare, a tratti percepire”. Ma è colpa mia. Sono una sentimentalazza, e questo è tutto.

film, chips e cotillon

Tutte le mattine quando prendo il caffè davanti al monitor, anche oggi che piove, anzi soprattutto quando piove, i racconti e le foto di SettePerUno sono fra i miei primi cucù nell’etere. Felicità infinita dunque appena l’editora (una che dovrebbe stare sul vocabolario alla voce *idee*) più o meno scherzando mi ha fatto una proposta e più o meno scherzando io le ho detto di sì, e nemmeno avevo cliccato invia che già ero felicemente calata nella mia nuova parte di rubrichista. E insomma, da ieri scrivo di cinema su SettePerUno, le mie recensioni le troverete ogni martedì e la prima la potete leggere qui.

E poi s’è fatto autunno. Appuntamenti romani di novembre: giovedì 3 si torna al Muzak di Testaccio con la Jam Session Teatrale, il tema è L’ultimo trasloco e sul blog trovate le info per partecipare. Sabato 5 invece si apre la stagione dei Librintesta: alle 18 vi aspettiamo alla libreria Croce di corso Vittorio per il primo Faccia a faccia, che sarà con Il grande Gatsby e qualche sorpresa vintage che ovviamente non vi dico sennò che sorpresa è.
Un’altra bella iniziativa che vi segnalo e a cui ho aderito è Piccoli maestri, da un’idea di Elena Stancanelli: si svolgerà per tutta la stagione invernale presso il centro Matemù all’Esquilino (nonché in altre sedi da definire); se volete saperne di più ecco il blog, quanto al calendario è ancora in progress.

E poi c’è questa antologia edita da Caracò, che dal primo novembre sarà disponibile sul sito dell’editore. Si chiama La giusta parte. Testimoni e storie dell’antimafia e dentro c’è anche un mio racconto che si intitola Fino a Caronte.

E poi s’è fatto autunno, anzi questo l’ho già detto. Piove, e ho già detto anche questo. Continuo a girovagare per l’Italia, a fare sogni assurdi, a dormire troppo poco, chiudo una pagina, m’innamoro di un rossetto nuovo, mi faccio fregare dall’ennesima copertina vintage, mi lascio distrarre dalla pioggia e fra una cosa e l’altra ricomincio a scrivere qui. Mi mancava, ecco.