Salone del libro di Torino 2015

CI VUOLE CORAGGIO A ESSER GIOVANI – BOOKSTOCK VILLAGE
INCONTRO CON RAUL MONTANARI, PAOLA SORIGA, NADIA TERRANOVA

a cura di
GIULIO EINAUDI EDITORE
Venerdì 15 maggio, ore 17.30
Arena Bookstock

Giovani traditi dalla Storia, giovani messi ai margini dalla Storia, giovani segnati da una storia. Tre scrittori a confronto sugli anni più vulnerabili della nostra vita: Raul Montanari, con Il Regno degli amici, Paola Soriga con La stagione che verrà, Nadia Terranova con Gli anni al contrario. Modera Rosella Postorino.

#ZEROGRADIDISEPARAZIONE (@STOLEGGENDO AL SALONE DEL LIBRO DI TORINO) – BOOK TO THE FUTURE

a cura di
Salone Libro
Sabato 16 maggio, ore 21.00
Book to the Future
Partecipanti:
Sara Bauducco
Annarita Briganti
Gaja Cenciarelli
Anna Da Re
Mario De Santis
Valentina Diana
Cristina Di Canio
Adriana Falsone
Vins Gallico
Manginobrioches
Francesco Musolino
Francesco Muzzopappa
Stefano Piedimonte
Rosa Polacco
Claudia Priano
Luca Ricci
Francesca Scotti
Nadia Terranova

In collaborazione con Tasca d’Almerita

logo_solone

Gli anni al contrario, conversazioni in Sicilia

Gli anni al contrario sono nati sullo Stretto e tornano in Sicilia per sette incontri sull’isola, iniziando e chiudendo con due appuntamenti messinesi. Curioso ma ovvio: in questi anni, gli unici giorni in cui non scrivevo una riga del romanzo erano quelli in cui tornavo giù.

TERRANOVA Messina

Giovedì 5 febbraio ore 18 alla Feltrinelli Point di Messina, via Ghibellina 32, con Caterina Pastura e Giovanni Raffaele.
La mattina del 5 febbraio alle 10 incontrerò gli studenti del liceo classico La Farina (il mio!) e la mattina del 6 febbraio quelli del liceo Ainis.

Venerdì 6 febbraio ore 18.30 aperitivo con l’autore alla libreria I libri di Ernesta, via Calamaro 1, Villafranca Tirrena (Me).

Sabato 7 febbraio ore 18 presentazione a Palazzo D’Amico, Marina Garibaldi, Milazzo (Me), nell’ambito della rassegna D’Amico in formazione.

Domenica 8 febbraio ore 11 colazione letteraria alla libreria Gabò di Siracusa, corso Matteotti 38, introduce Fabio Granata.

Giovedì 12 febbraio ore 18 presentazione alla libreria Modus Vivendi di Palermo, via Quintino Sella 79, con Stefania Auci e Beatrice Monroy.

Venerdì 13 febbraio ore 18 presentazione alla Feltrinelli di Catania, via Etnea 285, con Paolo Lisi e Angelo Scandurra.

Sabato 14 febbraio dalle ore 15.30: Nadia Terranova, “La scrittura creativa per ragazzi” e dialogo sull’esperienza della scrittura del romanzo Gli anni al contrario. Lo stage si terrà presso la libreria Doralice di Messina dalle ore 15:30 alle ore 18:30.  Ingresso libero per chi ha fatto l’iscrizione per l’intero pacchetto di scrittura co-creativa e per chi segue il corso settimanale di scrittura creativa organizzato dall’associazione Terremoti di Carta; costo di 10 euro per chi partecipa al singolo stage. A seguire presentazione del libro, ingresso libero.

i cinque libri che nessuno mi ha chiesto

La faccio brevissima: cinque libri che potreste leggere se ancora non li avete letti e vi conviene andarli a comprare in una libreria con l’aria condizionata perché amazon ormai ve li recapita dopo ferragosto (non ho controllato, ma fidatevi e sostenete qualche libraio simpatico).

Il nero e l’argento di Paolo Giordano (Einaudi) perché se non ne potete più di trentenni (in carne e ossa e personaggi) che vivono come adolescenti sgarrupati ma con un effetto molto più triste qui avete una coppia giovane ma vivaddio che ha problemi da adulta.
Mali minori di Simone Lenzi (Laterza) perché invece vi fa tornare bambini con una serie di ricordi che anche se non siete di Livorno in certe pagine ve lo scordate, e ve lo dice una di Messina.
Storie di uomini e di libri. L’editoria letteraria italiana attraverso le sue collane di Gian Carlo Ferretti e Giulia Iannuzzi (minimum fax) perché dicono tutti che le collane stanno morendo ma noi a qualcuna siamo affezionati e delle profezie ce ne freghiamo.
La spiaggia di Cesare Pavese (Einaudi) perché è un capolavoro: mica vorrete andare a mare sul serio, godetevelo da qua.
Capire Israele in 60 giorni (e anche meno) di Sarah Glidden (Rizzoli Lizard, traduzione di Elena Loewenthal) perché a volte un fumetto è meglio di un compendio di storia, analizza senza intento pedagogico e vale più di mille hashtag.

Ora immaginate le mie zampe da cotechino sulla sdraio con lo sfondo dell’orizzonte, alternate questi cinque libri poggiati sulle ginocchia e avrete composto la mia cartolina da fesbù.

il sottotesto che cercate nelle vostre email

Dopo qualche settimana da che era partita, Giacinta mi mandò una lettera assai graziosa e gentile che diceva: «Cara Isabella, io ho avuto la scarlattina, anche mia sorella Iosefa ha avuto la scarlattina. E tu hai avuto la scarlattina?»
La lettera che le mandai come risposta, diremo, ufficiale, mi fu dettata dall’istitutrice ed era anch’essa molto cordiale e umana: «Cara Giacinta, grazie della tua lettera. Io non ho la scarlattina perché l’ho avuta da piccola e il dottore ha detto che non si riprende. Spero in una tua solerte guarigione. Tanti baci». Ma di nascosto le scrissi un’altra lettera, nella quale, approfittando di critiche maligne che avevo raccolte fra la servitù, non le dicevo che queste parole:
«Tua sorela Iosefa a in tuto tre capelli».
Detti una mancia al paggio perché me la impostasse. Giacinta non mi rispose mai più.

Elsa Morante, Aneddoti infantili, Einaudi

elsa morante