la vita è quella cosa che succede ai tuoi libri, nel frattempo

* Bruno è finito in un altro libro: i Cento libri che ti cambiano la vita curato da Romano Montroni. L’ha portato Francesco Cataluccio che racconta le Botteghe di Bruno Schulz e cita il lavoro mio e di Ofra Amit.

Bruno è anche tornato a Fahrenheit, stavolta come libro consigliato e lì l’ha portato Silvana Gandolfi, che presentava il suo (bellissimo) Club degli amici immaginari.
E poi è stato in due posti dove l’ho portato io: a Torino, per un firmacopie al Salone del libro, e quindi a Osimo, sulle verdi colline in provincia di Ancona, ospite della libreria Il mercante di storie e di centinaia di bambini delle elementari e delle medie.

* Agata è in libreria e mentre ero a spasso per l’Italia mi metteva di buonumore trovarla sorridente fra le novità del settore ragazzi. Giovedì 31 maggio sarà con me alla sua prima presentazione al Maxxi alle 14.00 in occasione della Tribù dei lettori.
Ha avuto anche la sua prima recensione: è di Andrea Storti ed è qui.

* Caro diario ti scrivo… invece era in Basilicata e io non lo sapevo. Ha vinto il premio Mariele Ventre, giuria dei ragazzi, sezione 12-16 anni e quello che mi rende felice è che lo hanno votato loro. La premiazione sarà il 2 giugno a Muro Lucano.

Mentre i miei libri facevano tutte queste cose, io ne avevo in valigia un altro che leggevo e sottolineavo e sospiravo, e poi l’ho presentato ieri alla libreria Altroquando, insieme all’autore e a Umberto Rossi e ai librintesta. Si chiama Carbonio, l’ha scritto Michele Governatori di cui ho letto quasi tutto ma questo è il migliore, ma proprio di gran lunga. La storia non la riassumo, ci sono le recensioni e la quarta a farlo meglio di me. Dico solo che certi dialoghi tra Elia e Silvia avrei voluto scriverli io (per quanto Elia mi facesse incazzare, e per quanto Silvia mi facesse incazzare, e forse proprio per quello). E sulle ultime righe mi s’è fermato un po’ il respiro, tanto era bella e lucida la scrittura e immobile e ineluttabile il finale. Ma forse son io, che sono fatta male. Leggetelo e ditemi se sbaglio.

prossimi appuntamenti romani

* Venerdì 9 dicembre dalle 11.00 alle 12.30 incontro i lettori e firmo copie di Caro diario ti scrivo… allo stand di Sonda Editore (L28) alla fiera della piccola e media editoria, Più libri più liberi, Palazzo dei congressi (EUR);

* mercoledì 21 dicembre ore 18.30 interverrò alla presentazione dell’antologia La giusta parte (Caracò editore) insieme ad Alessandro Gallo, Mario Gelardi, Riccardo Brun, Marina Indulgenza presso lo spazio autogestito della Casetta Rossa, via Magnaghi 14 (Garbatella).

Una strada per L’Aquila e il festival L’Aquila Fenice – Minimondi

Domani sera, 21 novembre, alle 20.45 al Teatro Eliseo di Roma ci sarà la serata “Una strada per L’Aquila”. L’ingresso è libero e siete tutti invitati a venire portando come biglietto d’ingresso un pezzo di coccio, piastrella, brocca… Da questi *coriandoli di cose* nasceranno nuove pavimentazioni della città.
Nel corso della serata verrà presentato il festival di letteratura e illustrazione L’Aquila Fenice – Minimondi, che comincerà il giorno successivo e al quale parteciperò incontrando i ragazzi di scuole medie e superiori nella doppia veste di autrice (con Caro diario ti scrivo) e membro del progetto Piccoli maestri (con Le botteghe color cannella di Bruno Schulz). Il programma completo del (bellissimo) festival è qui.

appuntamenti romani di questi giorni

Stasera (mercoledì 25 maggio) alle 19, al Muzak di Testaccio la seconda Jam Session Teatrale sul tema “Vulcani”. Stavolta andrà in scena anche un testo mio. Ingresso libero. Tutti i dettagli qui.

Domani (giovedì 26 maggio) io e Patrizia Rinaldi incontreremo il popolo della Tribù dei lettori per parlare di Caro diario ti scrivo: la mattina alle 11 nel tendone di Piazza Re di Roma con la libreria Ponte Ponente (dettagli qui) e il pomeriggio alle 17,30 in quello di Parco Nemorense con la libreria il Brucalibro (dettagli qui).

la piccola scuola di scrittura di Rai Junior #3

Sono on line le nuove (e ultime) puntate del mio videocorso di scrittura per Rai Junior a partire da Caro diario ti scrivo (qui segnalavo le prime, e qui le successive). Ecco le domande a cui ho risposto.
  • Sono una schiappa in ortografia… Scrivo lo stesso? Qui.
  • Quando hai cominciato a scrivere? Qui.
  • Come si inventa la vita di un personaggio realmente esistito? Qui.
  • Quando eri piccola qual era la tua storia preferita? Qui.
  • Da dove si inizia a scrivere una storia? Qui.
  • E poi i miei esercizi di scrittura: uno, due e tre.

Caro diario ti scrivo ha vinto il premio Nisida-Roberto Dinacci all’interno dell’Elsa Morante Ragazzi

Roma, 5 mag. (Adnkronos) – All’interno del Morante Ragazzi, viene assegnato, da anni, un Premio Speciale Nisida-Roberto Dinacci, scelto dai ragazzi e dagli operatori dell’ Istituto di pena minorile di Nisida, coordinati dalla professoressa Maria Franco. Il riconoscimento speciale quest’anno va al libro ‘Caro diario ti scrivo’ di Patrizia Rinaldi e Nadia Terranova (Sonda Editore).
Si tratta di un volume dedicato ai diari scritti nella primissima adolescenza da quelle che sarebbero diventate un giorno scrittrici: Matilde Serao, Beatrix Potter, Annamaria Ortese, Emily Dickinson, Silvina Ocampo, Jane Austen. Vivace ed intenso, profondo e spensierato, il libro e’ in piena sintonia con il pubblico giovane, appassionato ed attento del Premio Elsa Morante Ragazzi. La collaborazione dell’Associazione Culturale Premio Elsa Morante – onlus con l’Ipm di Nisida va avanti da molti anni, da quando, con una prima donazione da parte dell’Associazione, fu fondata all’interno del carcere, la Biblioteca Elsa Morante.

(da qui)