Bologna Children’s BookFair

Da lunedì a mercoledì sarò a Bologna come (quasi) ogni anno, ecco tutti gli appuntamenti dentro e fuori fiera.

  • Lunedì 3 aprile, ore 20.00, presso la libreria Giannino Stoppani, via Rizzoli 1-F, Isabelle Arsenault e Fanny Britt presentano “Louis e i suoi fantasmi” (Mondadori). Modera Nadia Terranova. Ingresso libero fino a esaurimento posti.
  • Martedì 4 aprile:
    –  Fiera, Sala Ouverture, ore 9.30, conferenza: “Il linguaggio dell’album illustrato”. Intervengono Anna Castagnoli (illustratrice), Arianna Squilloni (editrice e giurata della mostra illustratori), Nadia Terranova (scrittrice);
    Fiera, Caffè degli Autori, ore 16, discussione e annuncio del vincitore: “Libri anfibi – gli albi illustrati del Premio Malerba”. Intervengono: Rosellina Archinto, Gino Ruozzi, Nadia Terranova, Anna Malerba. Modera Lorenzo Cantatore;
    Libreria Giannino Stoppani, via Rizzoli 1-F, ore 18.30: Anna Castagnoli presenta “Il manuale dell’illustratore” (Editrice Bibliografica). Interviene Nadia Terranova.
  • Mercoledì 5 aprile, in fiera, Caffè degli Autori, ore 11.30, incontro: “Piccoli maestri. I classici raccontati nelle scuole”. Con Carola Susani, Fabio Geda, Nadia Terranova.

premio Malerba

Bologna Bookfair 2015, diciamo l’indicibile.

Bologna Children’s Bookfair 2015
Martedì 31 marzo
Caffè degli Autori – Ore 13:30

Pad. 29/30
DafDaf, il giornale ebraico dei bambini e Pagine Ebraiche presentano: Raccontare l’indicibile

Coordinare un giornale per bambini significa confrontarsi ogni mese con la necessità di scegliere cosa raccontare, e la responsabilità di definire i parametri con cui affrontare argomenti a volte impossibili da raccontare. Per affrontare su un giornale o in un libro ciò che a volte è indicibile, allora, l’unica scelta possibile è accettare il confronto non solo con chi teorizza la questione ma soprattutto con coloro che si trovano a trasformare la teoria in azioni concrete rivolte ai bambini e ai ragazzi, e dunque non solo ai lettori di DafDaf, il giornale ebraico dei bambini, ma a tutti i giovani lettori.

Anna Castagnoli, esperta di letteratura illustrata, autrice, illustratrice
Paolo Cesari, traduttore
Nadia Terranova, scrittrice
Luisa Valenti, illustratrice

Introduce e modera Ada Treves, giornalista e coordinatrice di DafDaf

Qui il programma completo della fiera, qui il programma in inglese (dove divento Nadia Newfoundland), qui la presentazione del numero 55 di DafDaf che trovate in fiera; e invece posto di seguito il pezzo che ho scritto su Pagine Ebraiche raccontando perché dobbiamo raccontare quello che non si può raccontare.

Pagine ebraiche Nadia Terranova

Non ditelo ai grandi – Bologna Childrens Bookfair

Qui il programma completo di Non ditelo ai grandi, la manifestazione con cui la fiera del libro per ragazzi, tradizionalmente riservata agli operatori del settore, per la prima volta apre un padiglione al pubblico.
Domenica sarà la giornata dedicata alla cultura ebraica. Ada Treves racconterà i disegni dei bambini di Terezin, ci saranno laboratori sulla tradizione ebraica e yiddish e tanto altro. Ci saremo anche io e Bruno. Buon divertimento.

Domenica 23 marzo 2014
Ore 11:45 – TEEN TRACK – SPAZIO ADOLESCENTI

La cultura ebraica per i ragazzi.
Bruno. Il bambino che imparò a volare, Orecchio Acerbo

Incontro con Nadia Terranova. Età: 8- 11 anni.

Non è necessaria la prenotazione.

logo Non ditelo ai grandi

“vecchia valigia come va? guarda quanta notte se n’è andata già”

La prossima settimana sarò a Bologna. Chi mi conosce sa quanto amo quella città.
In periodo di Children’s Bookfair poi Bologna non significa solo portici, vecchi amici, scoiattoli e osterie fuori porta, il caffè da Terzi, rifugiarsi a scrivere in Salaborsa, ma anche mostre d’illustrazione, incontri con gente che non vedi da un secolo, scarpinate da una galleria all’altra. Eccetera.
Non sarò solo a Bologna però. Anche se la sera, fedele alle notti gucciniane di vino e malinconie, è sempre lì che tornerò a dormire.

* Lunedì 19 marzo alle ore 16,00 alla Bologna Children’s Bookfair presso lo stand di Orecchio Acerbo (stand B25 padiglione 26) io e Ofra Amit dedicheremo copie del nostro Bruno il bambino che imparò a volare;

* Martedì 20 marzo alle ore 21 al VaPian, via di Santa Croce n. 16, Bologna, per la rassegna “VaPian con quei libri” curata dalla casa lettrice Malicuvata, io Patrizia Rinaldi Mascia Di Marco e Francesca Bonafini parleremo del nostro romanzo Il cavedio (ed. Fernandel) con Elena Birmani e Carlo Schiavo;

* Giovedì 22 marzo a Parma presso il Bookshop Minimondi in piazza Garibaldi, all’interno del festival Minimondi, terrò due laboratori per bambini partendo dalla lettura di Bruno; il primo alle 11.30 per le scuole elementari e il secondo alle 14.30 per le scuole medie;

* Venerdì 23 marzo a Fiesole (FI), sala del Basolato, piazza Mino da Fiesole (dove dal 21 marzo saranno in mostra le tavole di Ofra Amit), all’interno di “Abracadabra. Festival del libro per ragazzi 2012” (qui la locandina e qui il programma dettagliato), alle 9.30 incontrerò le classi in visita e leggeremo insieme alcuni brani da Bruno mentre alle 17.30 terrò un laboratorio di scrittura e di immaginazione per bambini dal titolo “Guardare il mondo da diversi punti di vista”;

* Sabato 24 marzo a Piacenza, alla libreria Matilda, cantone dei Cavalli 9, alle 10.00 io e Bruno incontreremo due classi delle scuole medie per un laboratorio di lettura e scrittura.

E poi ce ne torneremo a casa.

io e Ofra, foto di Rino Bianchi

(anticipo di) forchettata di cavoli miei

Nelle pagine qui a fianco, in cui racconto a chi passa di qua chi sono e cosa faccio, ci sono due nuove nate: libri per ragazzi e romanzi.

Prima di fare solo la scrittora, quando bazzicavo altri mestieri che avevano a che fare coi libri, ho lavorato per un po’ anche nell’editoria per ragazzi. Da allora non ho più smesso: quando entro in una libreria non manca mai una visita al settore da cui esco felice e carica di libri come, appunto, una bambina – e puntualmente alla cassa: “Pacchetto? Sono un regalo?” “No, sono per me”. Perché pochi, troppo pochi, fra gli scrittori che si vantano d’essere contemporanei si accorgono delle chicche nascoste in quegli scaffali? Di quanto sia importante e proficuo averne contatto e conoscenza, anche solo per trasportare quell’universo nella propria scrittura “per adulti”?
E insomma l’anno scorso mi viene l’idea di un libro per ragazzine che raccontasse in una forma un po’ insolita la vita, da dodicenni, di alcune scrittrici che ho amato, ne parlo con Patrizia Rinaldi che aveva appena vinto l’Elsa Morante Ragazzi e ho la fortuna di avere come amica, l’idea la entusiasma, propone a sua volta le sue scrittrici e ci mettiamo a scrivere. Ne viene fuori un libro che sarà presentato a marzo in occasione della fiera di Bologna e sarà indirizzato, come direbbe Patrizia, sia ai bambini che ai bambini cresciuti. Grazie all’editore Sonda per averci scommesso e creduto senza riserve.

Romanzi. A giugno uscirà per Fernandel un romanzo a quattro voci in cui credo molto, scritto insieme ad altre tre autrici. Ciascuna di noi ha dato voce a un personaggio diverso che si attorciglia con gli altri in un’unica storia. La copertina è bellizzzzzima e questi mesi che mi separano dall’averlo fra le mani mi sembrano infiniti. Ci stiamo ancora lavorando e non vedo l’ora di potervi dire di più.

E insomma. Con qualche sorriso, interessanti equilibri precari, occhi bene attenti e un’ipotesi di primavera seria e fanfarona insieme, senza soluzione di continuità. Un po’ così, insomma.

(l’immagine viene da qui)