Gli anni al contrario, Bruxelles e Liegi

Mercoledì 8 marzo 2017, alle 19:00, all’Istituto Italiano di Cultura di Bruxelles (Rue de Livourne, 38) parleremo degli Anni al contrario, con Mariarosa Bricchi. Ingresso libero. L’incontro fa parte della rassegna Storie italiane – voci di romanzo (qui il programma completo).

Il giorno dopo invece sarò a Liegi:
LA FONDAZIONE EURITALIA È LIETA DI INVITARVI ALL’INCONTRO CON NADIA TERRANOVA
Presentazione del libro Gli anni al contrario (Einaudi) vincitore del premio Bagutta Opera Prima 2016
Moderatore: Domenico Simone
Maison de la Presse, Ville de Liège | giovedì 9 marzo, ore 18:30
Iniziativa promossa dalla Fondazione Euritalia (Liegi) e dall’Istituto Italiano di Cultura di Bruxelles. Nell’ambito della rassegna “Paesaggio Italiano”.

 

Faccia a faccia con Benedizione, di Kent Haruf

Giovedì 19 gennaio 2017, ore 19.15

Libreria Altroquando
Via del Governo Vecchio, 82/83 – Roma
L’ingresso è libero
www.ilibrintesta.it

Quando un anno fa uscii dalla libreria sprofondato nell’incipit di Benedizione, camminai fino a un piccolo parco, mi sistemai comodo su una panchina e continuai la lettura. Dopo un’ora ero ancora seduto là: senza accorgermene ero arrivato a un terzo del libro. Non avevo mai sentito nominare Kent Haruf, il nome che campeggiava sulla copertina. Strano, mi dissi. Uno che non ha nulla di moderno, che scrive nel solco del realismo tragico di Hemingway, che racconta storie senza tempo somiglianti ad antiche parabole bibliche, in pratica ciò di cui ero sempre andato a caccia tra i sentieri di quel genere di letteratura americana che va da Steinbeck a McCarthy. D’altro canto, negli ultimi tempi, guardando alla narrativa proveniente dagli Stati Uniti, mi ero abituato a delle incredibili quanto tardive scoperte (emblematico il caso di Stoner di John Williams). Autori completamente dimenticati, o ingiustamente trascurati, erano diventati dei clamorosi successi editoriali. Insomma, capii abbastanza presto che l’editore NN, nel pubblicare Haruf, aveva fatto un colpaccio. Ancor più quando mi resi conto che Benedizione era parte della cosiddetta Trilogia della pianura, che comprendeva altri due romanzi, Canto della pianura e Crepuscolo, e che tutti e tre sarebbero stati tradotti e pubblicati in Italia. Fu così che feci la conoscenza col vecchio Dad Lewis, il protagonista di Benedizione, che si prepara a trascorrere l’ultima estate della sua vita cercando di chiudere i conti col passato, con la campagna piatta e immota di Holt, la cittadina del Colorado in cui sono ambientati tutti i romanzi di Haruf, con le camicie di flanella sudate sotto al sole e con i neri steli di granturco gelati dall’inverno, con i locali desolati in cui si servono bistecca e pesce fritto, con l’incurabile silenzio di una terra ammaliante, ipnotica, così potentemente letteraria, in cui i destini degli uomini sembrano sussurrati nel vento.

Andrea Pomella

Piccoli Maestri al Baobab

I Piccoli Maestri saranno a Baobab, lunedì 25 luglio, dalle 19 in via Cupa, proprio dietro la stazione Tiburtinaper una maratona di lettura.

Ci hanno chiamato i volontari del Baobab Experience (https://www.facebook.com/BaobabExperience/?ref=ts&fref=ts), che da un anno accolgono i migranti in uno spazio minuscolo e non attrezzato. Hanno bisogno di attenzione, che si parli di questo posto che non ce la fa più. Una tendopoli di fortuna, materassi donati, la strada, non permettono di vivere decentemente.

Chiedono alle istituzioni una sede adeguata, dove continuare a fare il loro lavoro, un luogo fisico dove poter accogliere con dignità e rispetto questa gente che lascia o fugge dai paesi d’origine e si ritrova addosso un carico di sofferenze già duro da portare.

Ribadiamo anche noi la richiesta: il rispetto per gli esseri umani è rispetto per se stessi.

Noi ci saremo, con le parole degli altri, degli scrittori e le scrittrici che amiamo. Come facciamo ormai da anni: leggiamo, per tenere viva l’attenzione, per divertirci, perché questo è il nostro modo di stare nel mondo e renderlo un po’ meno faticoso.

https://www.facebook.com/events/1034291990017257/

welcome

 

Sarà per aver quindici (facciamo venti) anni in meno, o avere tutto per possibilità

“Quando un popolo non ha più senso vitale del suo passato si spegne. La vitalità creatrice è fatta di una riserva di passato. Si diventa creatori anche noi, quando si ha un passato. La giovinezza dei popoli è una ricca vecchiaia” (C. Pavese). Discutete e sviluppate con riflessioni personali il principio enunciato nel passo su riportato.
Venti anni fa mordevo il tappo della biro nera tormentandomi su cosa inventare per rispondere alla prima traccia – pessima abitudine che non ho mai perso, mordere i tappi delle penne intendo. Fra l’altro ero piuttosto delusa perché la frase commentabile del tema di maturità che avevo scelto era di uno dei miei autori meno amati (oggi uno dei miei preferiti) (non c’è un sottotesto contro gli scrittori studiati a scuola, altri li ho amati subito, altri ancora non li amerò mai, è una questione di incontri e amen), però alla fine in qualche modo andò e riuscii a piegare tutto a una tesi su presente e passato che mi sembrava allora originalissima. All’orale il commissario esterno era perplesso “Ah Terranova, non abbiamo capito una cosa del suo lavoro” e il mio minuscolo insospettato coraggio “Certo, gliela spiego subito”. Fino a quel momento ero così nervosa che avevo dovuto incrociare le gambe sotto il banco per tenerle ferme, e a ripensarci oggi è stata la prima volta che mi è toccato difendere una cosa che avevo scritto, mica sapevo che sarebbe stata una palestra per le domande dei lettori durante le presentazioni.
Forse questo dettaglio inutile mi è tornato in mente per questo motivo, forse solo perché, appena entrata nella biblioteca dove ogni mattina da un po’ di tempo vado a scrivere, l’ho trovata improvvisamente svuotata, dopo il picco di ieri.
Oggi di quegli sguardi complici di insofferenza contro gli utenti rumorosi (quasi tutti adulti), di quel silenzio riempito da bottigliette d’acqua, gettoni per gli armadietti, prese di corrente che non bastano mai o sono troppo lontane ce ne saranno di meno, e non riuscirò proprio a concentrarmi bene perché una parte di me pensa alla ragazza coi capelli sempre legati che studiava solo sulla carta, al suo amico che si svegliava più tardi e portava un iPad da dividere con trionfo, a quell’altra con gli occhiali che se non trovava il suo posto libero sbuffava che la sentivano in tutto il quartiere, a tutta l’impazienza, la frenesia, il rigoroso silenzio, la certezza timida e la speranza spocchiosa di farcela, la paura ben nascosta e la consapevolezza che comunque andrà questa sarà l’ultima estate della prima parte di una vita.
Poco importa ai miei forzati compagni di ogni mattina della babbàna che s’imbucava tra loro. Non sanno che vent’anni dopo, quando ce l’hai una casa tutta tua da non dividere con fratelli sorelle genitori e cani, inspiegabilmente quella casa ti si avvita sulla testa e allora meglio prendere l’abitudine di uscire, due chiacchiere col barista e il cappuccino e cinque ore di silenzio con colleghi d’avventura che non hai scelto, non ti hanno scelto. Come tutte le persone che ti salvano la vita per davvero, non sapranno mai di averlo fatto. Buona maturità, vi augura in un silenzio improvvisamente troppo silenzioso la babbàna, con la segreta speranza di rivedervi a settembre, uguali ma un po’ irriconoscibili.