Una poesia di Nina Berberova

NOTTE BIANCA

L’orologio si è fermato.
La bilancia non oscilla. E la notte è più chiara del giorno.
Non c’è più il tempo. Per il mare e il fuoco
è immoto il bagliore dell’alba. Regna il silenzio
lungo queste rive, regna la quiete.
Non c’è più il tempo. La luna è sospesa
nello specchio del cielo. L’aria è chiara
e immobile. E la bilancia non oscilla.
Non c’è il fardello degli anni, delle terribili sventure,
e i gabbiani s’involano in cielo.
Equilibrio. Oh, è terribile l’equilibrio,
è terribile per il mio cuore l’impassibilità.

(da Antologia personale, Passigli)