in questo giorno che comincia a settembre

Alia è un paese in provincia di Palermo. Per arrivarci dall’aeroporto Falcone Borsellino bisogna prendere la strada per Termini Imerese e svoltare a un certo punto verso l’interno, attraversare Caccamo e a un tale bivio seguire una macchina blu guidata da un vigile urbano che quando non è occupato a dirimere controversie stradali si dedica con fervore all’associazione culturale La fucina. Ci saranno di certo altri modi per arrivarci, ma questo è stato il mio e non lo cambierei con nessun altro (compresi pane e panelle sulla strada e cannoli offerti come snack col caffè all’arrivo). Sabato 5 settembre Gli anni al contrario è stato il libro più votato dai cento lettori della giuria popolare e ha vinto la quarta edizione del Premio Grotte della Gurfa, qui potete leggere il racconto della lunga e bella serata. Mancano solo i salti mortali dei grilli notturni e l’azzardo di volpi che attraversano la strada in barba al codice: la fauna aliena, pardon aliese, è anarchica e spericolata. Per questo mi è stata subito simpatica.
Così è cominciato settembre. Per quel che riguarda libri e incontri, continuerà in questo modo, per la prima metà:

Mercoledì 9 settembre, Festa dell’Unità di Modena, Ponte Alto, ore 21.00, spazio Buk Shop presentazione di Gli anni al contrario con Luca Falciola.

Sabato 12 e domenica 13 settembre al festival Lector in fabula, a Conversano (BA), che quest’anno ha come tema “Il futuro della politica”:

Sabato 12 settembre

parole allo specchio – ore 19.00 piazzetta Sturzo
ALESSANDRO LEOGRANDE, ERIC JOZSEF, REAN MAZZONE,
NADIA TERRANOVA
REALTÀ E FINZIONE
presenta OSCAR BUONAMANO
Cosa resterà di questo ventennio berlusconiano al potere? Dalla ascesa alla sua caduta, la presenza di Berlusconi sulla scena politica italiana è stata dettata dalla “tele-comunicazione”, dal sapiente uso del mezzo televisivo per costruire ad arte una realtà finta. Dal partito azienda al popolo delle libertà, da “L’Italia che vorrei” al «che fai, mi cacci?», dalle barzellette raccontate a Bruxelles alle “cene eleganti” di Arcore. E poi i sodali, gli avvocati parlamentari, le leggi ad personam, il disfacimento della sinistra, le vecchie volpi e le avvenenti onorevoli, la nipote di Mubarak e il bunga-bunga. Chi si ricorderà di qualche legge buona o di qualche azione di governo innovativa? Eppure, si dice che B. sia stato lo specchio fedele della maggioranza (pur sempre relativa) degli italiani. Sembrerebbe tutto così finto, se non fosse che è stato tutto vero!

Domenica 13 settembre
il giardino dei limoni- ore 12.00 piazza Castello
LE NUVOLE PER TERRA
con NADIA TERRANOVA
presenta MARIASERENA MELILLO
Che succede se gli adulti non sono più un modello? Se non sanno neanche spiegarti cos’è l’amore, perché non lo sanno neanche loro? Certo, la formazione sentimentale di un adolescente non è propriamente una questione politica ma, forse, dovremmo interrogarci tutti sulle questioni generazionali, sui conflitti e sui ricambi, sui rapporti tra età diverse. Altrimenti si rischia di lasciare le giovani generazioni tra la voglia di crescere e quella di restare nell’età di mezzo, tra il desiderio di credere alle nuvole e lo sgomento nel trovarsele davanti cadute e stropicciate come fango.

Lector in fabula

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...