L’appartamento, di Mario Capello

Come e quando si diventa grandi? Mai quando siamo certi che stia accadendo, mentre compiamo un passo importante come comprare una casa o fare un figlio. Anzi, più andiamo avanti, più quei primi passi nell’età adulta li ricorderemo come la prosecuzione dell’infanzia con altri mezzi, sorrideremo per aver cercato di controllare una cosa casuale come la crescita fissandola su un certificato di acquisto o di unione: com’era ingenuo quel tentativo di raddrizzare le cose con una dichiarazione d’intenti. Anche di questo (per me l’aspetto più interessante) parla L’appartamento di Mario Capello pubblicato da Tunué, che ha la forza apparentemente sommessa dei racconti brevi per lunghezza e grandi per respiro letterario. Come tutti i libri che mi piacciono, ha una trama piccola: in provincia sabauda, un agente immobiliare giovane mostra un appartamento a un cliente vecchio, è affascinato dai modi di quell’uomo, scopre infine il segreto che custodisce. Più di ciò che si rivelerà nelle ultime pagine, sono importanti i dettagli che preparano alla scoperta, bellissime le descrizioni di polvere e pulviscoli che si posano sugli oggetti, luci che illuminano prospettive a sorpresa, gesti piccoli dietro cui si intuiscono universi mai troppo scodellati (viva la letteratura della lacuna, raccontata da Nicola Gardini nel saggio che non mi stanco di citare). L’agente che si è improvvisato tale per cambiare vita è in realtà un uomo uso alle storie, alla letteratura, che immagina incipit dietro le frasi da conversazione ma con quel precedente mestiere editoriale non vuole avere più a che fare. Se l’è lasciato alle spalle insieme a un matrimonio, a un figlio e a un vecchio appartamento studentesco che aveva cercato di trasformare in nido adulto, con tutta la tenerezza degli errori che ci somigliano.

lappartamento_mario-capello_tunuc3a9_cover

2 thoughts on “L’appartamento, di Mario Capello

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...