Mansfield Park – I libri in testa

 

Giovedì 15 maggio 2014, ore 19.15

Libreria Altroquando
Via del Governo Vecchio, 82/83 – Roma

L’ingresso è libero
http://www.ilibrintesta.it

MansfieldPark1814

Ultima serata della stagione 2013/14 dei Libri in testa, qui la locandina. Sentite cosa scrive il nostro austenologo di riferimento:

Mansfield Park è forse il romanzo più complesso e sfuggente di Jane Austen, e sicuramente quello che nel tempo ha avuto le interpretazioni più diverse, da quella di conduct-book, ovvero di romanzo morale incentrato sulla figura senza macchia di Fanny Price, a quella di lavoro in cui si può rintracciare la più sottile vena ironica e parodica della scrittrice. D’altronde l’autrice teneva molto a questo romanzo, visto che dopo aver letto la recensione sulla “Quarterly Review” di Walter Scott a Emma (l’opera successiva pubblicata alla fine del 1815), una recensione molto lunga, articolata e sicuramente positiva, nella quale Scott aveva citato due dei romanzi precedenti: Ragione e sentimento e Orgoglio e pregiudizio, scrisse al suo editore: “Vi restituisco la Quarterly Review con molti Ringraziamenti. L’Autrice di Emma credo non abbia ragione di lamentarsi del trattamento ricevuto – salvo per la totale omissione di Mansfield Park. – Non può non dispiacermi che un Uomo così intelligente come il Recensore di Emma lo consideri talmente indegno di nota.”
In occasione del bicentenario della prima edizione, cercheremo di scoprire i segreti di questo romanzo, forse il meno popolare ma che alcuni considerano il capolavoro di Jane Austen.

Giuseppe Ierolli

 

Roma riappropriata

Roma negata. Percorsi postcoloniali nella città è un libro di Igiaba Scego (testo) e Rino Bianchi (foto) edito da Ediesse che sarà in libreria domani, 7 maggio 2014.
Ho amato molto l’idea da cui è nato questo progetto, questo bel libro ibrido in cui immagini e testo giocano a riprendersi Roma e i suoi luoghi cruciali espropriati dal fascismo e dal colonialismo e oggi abbandonati o non ancora restituiti a una destinazione funzionale o memoriale. Per ciò, quando Igiaba mi ha chiesto di fare la prefazione ho accettato volentieri. La postfazione, invece, l’ha scritta Andrea Branchi.

Roma negata è stato presentato in anteprima il 25 aprile al Rialto, mentre il 4 maggio c’è stata una passeggiata tematica nei luoghi del libro.
Giovedì 8 maggio invece ne parleremo, insieme agli autori, io e Lorenzo Pavolini alla biblioteca Nelson Mandela (ex Appia) alle 18. Sarà esposta anche la mostra fotografica di Rino Bianchi, visitabile fino al 22 maggio. L’evento rientra nell’ambito delle iniziative delle biblioteche di Roma per il maggio dei libri.

Biblioteca  Nelson Mandela (ex Appia)
via La Spezia 21
00182
Roma

1842-6 Roma negata_S&R_cop_21-14_Layout 1

maggio, su coraggio: cosa faccio a Torino, cosa avrei fatto a Roma

Maggio è il mese del Salone del libro di Torino, mi trovate in giro da venerdì a domenica, come al solito. Il sabato tradizionalmente piove, sarò quella con la piega increspata.
Se proprio volete sentirmi cianciare: venerdì 9 alle 18 in Sala Professionali, per il ciclo I mestieri del libro, a raccontare la scrittura per bambini, sarò quella che comincerà con “Diciamo subito che la scrittura per bambini non esiste…”. Ne parlerò insieme a Marta Corsi, editor della casa editrice La Nuova Frontiera, e a un altro autore, Davide Morosinotto.
Qui i dettagli dell’evento.

Sarete al Salone e volete sapere se ci sono anche una o più autrici di Abbiamo le prove? Ecco un calendario su misura per voi: siamo tutte qui.

In quello stesso weekend restate (o vi recate) a Roma? Fate quello che avrei fatto io se non fossi stata a Torino: andate alla festa per il centocinquantesimo titolo di Orecchio Acerbo, l’Orecchio Acerbo Day. Laboratori, letture, spettacoli, proiezioni di Booktrailer e una riffa per aggiudicarvi libri bellissimi.

Buon maggio a tutti.

Da "Nel paese dei libri" di Quint Buchholz, Beisler
Da “Nel paese dei libri” di Quint Buchholz, traduzione di Bice Rinaldi, Beisler