è già bello stare qui

Irrompi in un gruppo di bambini o di ex bambini (c’è davvero differenza?) e chiedi chi era Laura Cantoni Orvieto: vedrai molte facce imbambolate; chiedi di Storia delle storie del mondo e scommetto su quante mani vedrai alzarsi. La mia copia, consunta a forza di riletture, è ancora nella mia vecchia stanza della mia vecchia casa; il nome dell’autrice impresso grazie alla memoria patologica di quando ero bambina (ma avercela ancora, un po’ la rimpiango), che mi ha permesso di lasciarlo trasmigrare negli anni fino a scoprire, da grande, chi era quella Laura Orvieto cui dovevo la scoperta delle storie di Achille e Menelao (alla prima lettura in classe dell’Iliade ricordo di aver pensato: ma è bellissimo, io questi compiti li so già tutti).
Eccola, Laura, milanese, ebrea, borghese, ex ragazzina ribelle e lettrice di nascosto, moglie di Angiolo Orvieto, fondatore del periodico Il marzocco, giornalista prima anonima e poi non più, autrice di libri per bambini spesso ispirati ai classici, libri diversi e divertenti accomunati da un linguaggio comprensibile ma mai impoverito, direttrice – dopo gli anni della guerra –  del periodico illustrato La settimana dei ragazzi, autrice dell’autobiografia Storia di Angiolo e Laura, commovente già nel titolo, almeno per una romanticona come me.
Ecco perché è già bello stare qui, Bruno Ofra Orecchioacerbo e io, nella sestina finalista selezionata per il premio a lei dedicato, starsene in buona compagnia, con un’ottima scusa per parlare di lei, far conoscere la sua vita (ma anche su wikipedia stavolta c’è una buona voce) e il suo archivio, consigliare a quei pochi bambini e ex bambini che non hanno alzato la mano di correre a leggere i suoi libri.

Laura Orvieto
Laura Orvieto

3 thoughts on “è già bello stare qui

  1. Ma che meraviglia, grazie Nadia per aver ricordato la scrittrice del mio libro preferito! Appena è nata mia figlia l’ho (ri)comprato (la mia copia, consunta, non so dove sia andata a finire) e non vedo l’ora di cominciare a leggerlo con lei. Grazie davvero. Elena

    1. Felice di scoprire un’altra ex bambina che avrebbe alzato la mano, anzi due, se contiamo anche tua figlia. E felice che l’occasione del premio ci abbia dato la possibilità di ricordare. Grazie a te.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...