il team autunno e quelle prime domeniche di pioggia

Avantieri sono stata alla Galleria di arte moderna di Roma, dietro piazza Barberini, a far visita a sei scrittori: D’Annunzio, Marinetti, Bontempelli, Ungaretti, Pirandello, Moravia. La mostra si chiama Legami e corrispondenze. Immagini e parole attraverso il novecento romano – un titolo che non vi farebbe capire niente, però la descrizione c’è ed è abbastanza dettagliata: qui. Fatevi questo regalo, non lo dite a nessuno e rifugiatevici per un’ora o quanto volete, è stata prorogata fino al 12 gennaio 2014. La mia stanza preferita: la biblioteca dove sfogliare le edizioni in commercio di tutti e sei gli autori. Il mio quadro preferito: sono indecisa tra un Sironi e un Donghi. Le mie didascalie preferite: quelle di Massimo Bontempelli, che in una frase riesce a riassumere un secolo intero. Il mio rimbrotto: che nella galleria non ci sia una caffetteria – peccato, la vista sui tetti, la domenica grigia intorno e una piccola ricorrenza personale avrebbero meritato anche quella sosta.

legami_e_corrispondenze_immagini_e_parole_attraverso_il_900_romano_large

5 thoughts on “il team autunno e quelle prime domeniche di pioggia

  1. io oggi ho scritto “lo sò”, con l’accento… è una brutta giornata, quindi.
    Forse è per questo che mi viene da dirti che quel museo lì non è dietro Piazza Barberini, che sennò uno pensa a via Quattro Fontane, o via Barberini, o via Veneto; piuttosto sotto via Sistina? Oppure vicino a dove vendono (vendevano?) i piumini DaunenStep, che lo tengo presente perché mi fanno essere ricchi davvero. Lo so (uff… ) è una sottigliezza, però mi prendo questa soddisfazione.
    (ad avantieri mi ero già sciolto e avrei accettato di visitare una mostra anche al Vittoriano, per esempio)
    Cordialità, Luca

    1. Caro Luca, già a uno che si sofferma su avantieri (pensa che il correttore di wordpress me lo segnalava come errore – torno indietro, che faccio, cancello, sostiuisco con il banale l’altroieri? Penso: ma no, io penso così: come mia nonna, come mia mamma: avantieri. Lascio!) e che comincia imprecando contro un refuso darei ragione a prescindere. Figuriamoci poi in questo caso, visto che la ragione ce l’hai per davvero. Eppure sai perché ho scritto questa cosa di piazza Barberini? Be’, è stata l’immigrata che è in me che pensa sempre al turista, all’appena arrivato in città, al non motorizzato: scelgo la fermata metro più vicina, semino un nome conosciuto di segnaletica, per non lasciare a nessuno la scusa della pigrizia.

  2. Io infatti te lo volevo dire, che è perché NUN sei romana… Mi permisi perché non avevo capito di quale museo parlassi. Che poi il Museo trovasi lungo quello che era il percorso, principiante dalla Stazione Termini, per arrivare alla casa della zia Jolanda, quello pure c’ha messo del suo.
    Mi pare avantieri che facevo ‘sta scarpinata.
    tiè, l’ho usato alla prima occasione utile!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...