accade domani: Graziani, Affile e i nostri centoventisettemila euro

Quando l’undici agosto scorso il comune di Affile, provincia di Roma, ha inaugurato il coso (chiamatelo mausoleo, chiamatelo sacrario, chiamatelo obbrobrio architettonico coi nostri centoventisettemila euro) a Rodolfo Graziani, mi trovavo in montagna lì vicino, in un posto a cui voglio bene da anni (buon cibo, buon vino, boschi verdi, ambiente protetto per scrivere, vicinanza a casa). Credo di aver fatto una faccia orrenda, credo di aver detto bleah un miliardo di volte, per i primi cinque minuti mi sono comportata come Stella sul Corriere di oggi esorterebbe a fare: mi sono indignata. Poi siccome reputo l’indignazione uno dei sentimenti più noiosi e innocui che esistano, ho cominciato a chiedermi che fare (come chiedevano i russi, che la sapevano lunga). Niente: l’opzione di immediata preferenza restava ivi recarsi e smantellare con le mie mani l’obbrobrio.
Pochi giorni dopo mi è arrivata una email collettiva di Igiaba Scego che chiedeva di riflettere insieme. E nel frattempo il NY Times, e la BBC, e El Paìs, e l’interrogazione parlamentare dell’on. Touadi del PD e il primo suon di bombolette. E intanto questa mailing list che dava forma alla prima, naturale decisione: portare il dibattito in un posto che ci piace e renderlo pubblico.
E spero che sia MOLTO pubblico, che veniate in tanti, perché il tempo è passato, ho letto, ho studiato, ci ho riflettuto, giuro, ma confesso di essere ancora ferma all’opzione di prima preferenza. No, non mi è venuto in mente niente di meglio che andare a smantellare. Sono una persona semplice, io. Ma son mingherlina, sono il sesso debole, sono sola e non godo di protezioni speciali, insomma non riuscirei a finire il lavoro prima di finire in gattabuia con chiavi buttate e allora amen, protesta vanificata. Mentre voi, che siete più intelligenti e strateghi di me, avrete di certo un’efficace strada alternativa. Venite a suggerirla.

Via San Francesco di Sales, 5
1 ottobre 2012
Orario:

dalle ore 17.00

Ingresso libero fino a esaurimento posti

Mausoleo per Rodolfo Graziani

Giornata di approfondimento intorno all’avvenuta costruzione del MAUSOLEO PER RODOLFO GRAZIANI ad Affile, nel Parco Radimonte, nelle ultime settimane diventato un caso di cui si è occupata la stampa nazionale ed estera. Riflessioni sulle polemiche per la dedica di un sacrario nel paesino romano a Graziani, ministro della Guerra della Repubblica sociale e accusato di crimini di guerra in Africa negli anni ’30.
Sono presenti: ALESSANDRO TRIULZI e IGIABA SCEGO.
Iniziativa a cura del Circolo Gianni Bosio in collaborazione con IRSIFAR, ANPI, FIAP, ANEI e ANED

5 thoughts on “accade domani: Graziani, Affile e i nostri centoventisettemila euro

  1. Certi monumenti poi restano a testimoniare un’epoca, e l’idea di lasciare ai nostri nipoti simili schifezze oggi è responsabiltà di tutti noi, quindi, dovremmo, con rabbia civica, ringhiare contro quelli che l’hanno permesso: un ringhio collettivo davanti al comune di Affile.

  2. Concordo su quanto esprimi, non potrò esser presente all’evento ma son unito a voi per pratica e cultura antifascista. Domanda di riflessione: perchè un tale atto non si denuncia come apologia di fascismo?
    Scusa(te) la semplicità della domanda, ma son semplice anch’io, mi sfugge qualcosa? Non abbiamo forse una legge chiara in merito (legge 20 giugno 1952, n. 645) ?

    ciao,
    Gianluca

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...