racconti per Nisida, isola d’Europa

Dal blog di Maria Franco:

“Il libro – che racchiude gli scritti di sei autrici, Emilia Bersabea Cirillo, Daniela de Crescenzo, Antonella del Giudice, Antonella Ossorio, Patrizia Rinaldi, Nadia Terranova, introdotti da un racconto di Maurizio de Giovanni e da uno splendido sonetto di Yves Bonnefoy, tradotto da Valeria Cacace; copertina di Cecila Latella – è stato amichevolmente edito, fuori commercio, da Mario Guida.

Con i Racconti per Nisida, isola d’Europa, si conclude la trilogia narrativa del progetto Nisida come Parco letterario, cui stiamo ancora lavorando.
Il libro sarà ufficialmente presentato a Nisida il 3 maggio”.

Il mio racconto si intitola Marinai e guerriere ed è stato ispirato dalla storia di Porzia e Bruto. Con Maria Franco e i ragazzi dell’Istituto Penale Minorile, e poi da sola, nell’autunno scorso ho lavorato su tre parole: amore, morte, solitudine. Le tre parole attorno cui credo valga la pena scrivere.
Partecipare a questa esperienza è stato uno di quei momenti di frontiera che a volte capitano nella scrittura. Di questo, del lavoro che fa ogni giorno e di altre cose che non sono brava a dire, ringrazio Maria. Qualche tempo fa, qualcuno un pochino più importante di me l’ha ringraziata così.

One thought on “racconti per Nisida, isola d’Europa

  1. Ciao Nadia, sono un uomo di 53 anni, anch’io di Messina, oggi svolgo l’attività di Dirett. Sportivo nel mondo del calcio. Mi ha incuriosito il fatto che Tu ti sia interessata delle problematiche e delle esperienze dei detenuti di Nisida. Nel lontano 1974 (avevo 17 anni) ho avuto purtroppo il dispiacere di essere stato detenuto per tre mesi nell’Istituto Penale Minorile. Ero a Napoli per fare un provino con la Società Calcistica Napoli e la sera della Vigilia di Natale ho avuto un battibecco con uno sconosciuto. Finì a rissa e purtroppo per me, questo sconosciuto era un agente in borghese. Da quel giorno la mia vita cambiò radicalmente. Per via delle festività prima, e per strane cose accadute in quel periodo, non si riuscì a capire perchè non mi facessero uscire dall’Istituto. Ho vissuto per tre mesi l’esperienza da detenuto e posso garantirti che sono uscito da là dentro completamente diverso. Mi farebbe piacere incontrarTi e raccontarTi personalmente quest’avventura che porterò con me per tutta la vita. Ti lascio la mia email se per caso Tu volessi contattarmi.
    cittadimessinaaa@yahoo.it
    Ciao e complimenti per la tua carriera. Angelo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...