“vecchia valigia come va? guarda quanta notte se n’è andata già”

La prossima settimana sarò a Bologna. Chi mi conosce sa quanto amo quella città.
In periodo di Children’s Bookfair poi Bologna non significa solo portici, vecchi amici, scoiattoli e osterie fuori porta, il caffè da Terzi, rifugiarsi a scrivere in Salaborsa, ma anche mostre d’illustrazione, incontri con gente che non vedi da un secolo, scarpinate da una galleria all’altra. Eccetera.
Non sarò solo a Bologna però. Anche se la sera, fedele alle notti gucciniane di vino e malinconie, è sempre lì che tornerò a dormire.

* Lunedì 19 marzo alle ore 16,00 alla Bologna Children’s Bookfair presso lo stand di Orecchio Acerbo (stand B25 padiglione 26) io e Ofra Amit dedicheremo copie del nostro Bruno il bambino che imparò a volare;

* Martedì 20 marzo alle ore 21 al VaPian, via di Santa Croce n. 16, Bologna, per la rassegna “VaPian con quei libri” curata dalla casa lettrice Malicuvata, io Patrizia Rinaldi Mascia Di Marco e Francesca Bonafini parleremo del nostro romanzo Il cavedio (ed. Fernandel) con Elena Birmani e Carlo Schiavo;

* Giovedì 22 marzo a Parma presso il Bookshop Minimondi in piazza Garibaldi, all’interno del festival Minimondi, terrò due laboratori per bambini partendo dalla lettura di Bruno; il primo alle 11.30 per le scuole elementari e il secondo alle 14.30 per le scuole medie;

* Venerdì 23 marzo a Fiesole (FI), sala del Basolato, piazza Mino da Fiesole (dove dal 21 marzo saranno in mostra le tavole di Ofra Amit), all’interno di “Abracadabra. Festival del libro per ragazzi 2012” (qui la locandina e qui il programma dettagliato), alle 9.30 incontrerò le classi in visita e leggeremo insieme alcuni brani da Bruno mentre alle 17.30 terrò un laboratorio di scrittura e di immaginazione per bambini dal titolo “Guardare il mondo da diversi punti di vista”;

* Sabato 24 marzo a Piacenza, alla libreria Matilda, cantone dei Cavalli 9, alle 10.00 io e Bruno incontreremo due classi delle scuole medie per un laboratorio di lettura e scrittura.

E poi ce ne torneremo a casa.

io e Ofra, foto di Rino Bianchi

4 thoughts on ““vecchia valigia come va? guarda quanta notte se n’è andata già”

  1. Quanto vorrei esserci. Quanto mi manca Bologna. E la Salaborsa. Più vado avanti e più gli anni dell’università mi mancano, sto invecchiando. In bocca al lupo e a Bruno 🙂

    1. Crepi. Ma che bello, invidio (benevolmente) sempre un po’ chi ha studiato a Bologna, avrei tanto voluto ma invece la mia storia universitaria ha avuto tutta un’altra geografia. Sarà per la prossima vita.

      1. Non solo ci ho studiato, ma ci ho anche lasciato un gran bel pezzo di cuore. Alle strade che portano in Piazza Maggiore ci è rimasta incollata una tale sensazione di appartenenza che gareggia ancora con la mia Puglia. In nessun’altra città mi sono sentita così a casa, credimi.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...