il meglio della rete secondo me

  • un’intervista allo scrittore israeliano Meir Shalev (“Ciò che ho imparato dalla Bibbia è che non devi seccare il lettore con troppa psicoanalisi”: ecce genius);
  • l’outing di Guccini a Michele Serra (“Sono gay, come Tiziano Ferro. Ma soprattutto Guccini viene dallo yiddish Guk-shahn, che vuol dire ‘ubriacone depravato'”);
  • un cartone delizioso per noi bimbe babbione dalla lacrimuccia facile;
  • un’assenza. Mentre impazzano orgogliose confessioni all’insegna del “Resto perché”, mi pare che nessuno abbia risposto: “Io resto in Italia perché la laurea l’ho comprata, al master mi ha fatto entrare mio zio e lavoro perché m’hanno ricambiato un paio di favori che ho fatto. Con questo curriculum qui, dove vuoi che vada?”. Avrei giurato che quelli fossero la maggioranza. Ma probabilmente mi sono sbagliata.

e tu quando ti sposi, vademecum di resistenza

  • non posso, mi hanno scomunicata.
  • non posso,  ho perso i diritti civili, come che c’entra? Fidati, c’entra.
  • non posso, sono terrona, mi è scaduto il permesso di soggiorno.
  • non ho i soldi per una Birkin, figuriamoci per un vestito a forma di meringa.
  • mi sono già sposata, oh scusa non ti ho invitato? (buona: probabile eliminazione dalla cerchia dei conoscenti dell’interlocutore offeso).
  • … dopo che tu ti trovi un lavoro/smetti di bere/trovi un cesso o una cessa che finalmente ti sopporta (ottima: l’eliminazione diviene certa).

è lieta di invitarla

Venerdì 26 novembre, ore 18.30, libreria Rinascita di viale Agosta 36 (quartiere Prenestino, Roma):
Presentazione di “Sovvertire il diluvio” di Isabella Borghese e “Cera per le sirene” di Alberto Ragni.

Due scrittori, due diverse generazioni, un mondo: il nostro, sempre più precario.
A un anno dalla protesta dei ricercatori dell’Ispra saliti sul tetto dell’istituto l’anno scorso per difendere la ricerca e i loro contratti, e in un momento storico in cui il lavoro e la dignità dei lavoratori sono sempre più a rischio, Alberto Ragni e Isabella Borghese incontrano il pubblico per una serata di chiacchiere, letture e narrazioni. A moderare l’incontro sarà Nadia Terranova, scrittrice, editor, traduttrice e redattrice. Interverranno Daniele Nalbone, giornalista e Filippo Pala, giornalista e ufficio stampa dell’Ispra. In apertura proiezione del video “Non sparate alla ricerca” sulla protesta dei precari dell’Ispra.
Partecipano gli autori.

Libreria Rinascita
0625204819
eventi@rinascitaonline.it
Viale Agosta 36
(Prenestino)
00171
Roma

Link:
il blog dei precari dell’Ispra
il blog di Alberto Ragni
il blog di Isabella Borghese
la libreria Rinascita di viale Agosta

no, è che siccome mi ero stancata di “essere in un’antologia” ho deciso di inventarmene una io

Siccome, chiariamolo subito, questo non è uno di quei blog promozionali in cui l’autore parla solo di sé e dei suoi libri, vorrei esordire avvisandovi che sta per uscire un’antologia ideata e curata da me e Francesca Bonafini per i simpatici tipi delle Edizioni Jar. Non è solo un’antologia, in realtà è anche un ricettario: venti scrittori, uno per ogni regione d’Italia, hanno aperto le cucine e raccontato un sapore tradizionale della propria infanzia. La grafica è deliziosa, un po’ pop e un po’ vintage. Cliccando qui potete scaricare il comunicato stampa in pdf per saperne di più sul progetto e scoprire in anteprima i nomi di tutti gli autori. La troverete in libreria dalla prossima settimana, oppure potete comprarla presso lo stand di Jar alla fiera dell’editoria di Milano (26-27-28 novembre 2010) o a una delle nostre presentazioni: il 15 dicembre 2010 ore 19 alla libreria Altroquando, via del Governo Vecchio/Piazza Pasquino (Roma) o il 17 dicembre 2010 alla drogheria Buonconsiglio (Vasto, provincia di Chieti). Prometto che vi faremo ridere, riflettere, vi daremo da bere e vi invoglieremo a cucinare. See you.