Gli anni al contrario, Bruxelles e Liegi

Mercoledì 8 marzo 2017, alle 19:00, all’Istituto Italiano di Cultura di Bruxelles (Rue de Livourne, 38) parleremo degli Anni al contrario, con Mariarosa Bricchi. Ingresso libero. L’incontro fa parte della rassegna Storie italiane – voci di romanzo (qui il programma completo).

Il giorno dopo invece sarò a Liegi:
LA FONDAZIONE EURITALIA È LIETA DI INVITARVI ALL’INCONTRO CON NADIA TERRANOVA
Presentazione del libro Gli anni al contrario (Einaudi) vincitore del premio Bagutta Opera Prima 2016
Moderatore: Domenico Simone
Maison de la Presse, Ville de Liège | giovedì 9 marzo, ore 18:30
Iniziativa promossa dalla Fondazione Euritalia (Liegi) e dall’Istituto Italiano di Cultura di Bruxelles. Nell’ambito della rassegna “Paesaggio Italiano”.

 

Casca il mondo, a Messina

(da qui🙂

Ore 17.30, libreria Doralice, via Consolare Pompea 429/431

La scrittrice messinese Nadia Terranova ci condurrà attraverso le pagine del suo libro, il quale “nasce dall’idea che ci sono momenti in cui si perdono le parole e tocca ai bambini andarsele a riprendere”. L’autrice ci racconterà come è nato questo testo e quale grande fatica e passione hanno guidato la gestazione di una tematica così difficile: spiegare ai bambini la guerra e il terremoto, coniando per bocca dei suoi piccoli protagonisti, la parola “guerremoto”.
La partecipazione al laboratorio è gratuita e aperta a tutti ma è necessario l’acquisto del volume presso la libreria per poter lavorare sul testo.
A coloro che hanno acquistato il pacchetto intero delle officine il volume verrà dato in omaggio dall’associazione.
Gradita conferma entro lunedì 27 febbraio a terremotidicarta@gmail.com

Pezzi d’amore al Circolo dei lettori, Torino

In nome dell’amore 2: qui il programma completo

da martedì 14 a sabato 18 febbraio

L’amore è un discorso sconvolgente, che destabilizza relazioni e sguardi, confonde la ragione, a volte cerca le parole giuste, a volte le abbandona.
Seppur maneggiato da tutti e attraverso vari linguaggi, il discorso amoroso rimane «d’una estrema solitudine», come scriveva Roland Barthes: è un oggetto che ogni persona, alla fine, può gestire soltanto da sè.
Nei cinque giorni della seconda edizione della rassegna, ideata da Antonio Pascale, narrazioni multimediali raccontano le difficili meravigliose declinazioni dei sentimenti con parole, immagini, musica, teatro, percorsi di gusto.
Perché l’amore rimarrà sempre impossibile da comprendere fino in fondo, ma troppo affascinante per non esplorarlo in ogni frammento.

Mercoledì 15 febbraio:

→ ore 21 | Pezzi d’amore
con Alessandro Baronciani, illustratore
in dialogo con Nadia Terranova, scrittrice
Una ragazza che decide di scomparire, un ragazzo innamorato di lei, un’isola, Internet: questi i personaggi, da smontare e rimontare a piacimento, della storia a fumetti che l’autore di Come Svanire Completamente ha fatto a pezzi e chiuso in una scatola.Come l’amore, fatto di istanti che la memoria emotiva riorganizza a suo piacimento.

[Ho scritto qui del progetto comesvanirecompletamente]

in-nome-dellamore